Italian English

Il Kata

Il kata è la forma di allenamento originaria di tutte le arti marziali tradizionali; letteralmente significa "forma, sequenza di tecniche prestabilite". Si tratta di un insieme di sequenze gestuali codificate di parate e contrattacchi concatenati.......

Questi attacchi simulano il combattimento contro uno o più avversari e arrivano in successione di tempo da più direzioni.

Il kata però non deve essere confuso con un semplice esercizio a corpo libero, le tecniche espresse al suo interno devono richiamare agli occhi di un osservatore esterno delle reali situazioni di attacco e difesa.
Esistono un vasto numero di kata tramandati dagli albori del karate fino ai tempi moderni. Tali kata sono stati modificati ed interpretati in maniera diversa nel corso degli anni ad opera di vari maestri, che li hanno rielaborati in funzione del significato attribuito alle tecniche contenute in essi. Il frutto di questi studi è riscontrabile nella diversità di stili e scuole di karate, ognuna caratterizzata dall'insieme dei suoi kata.

I Kata Dello Shotokan
Dopo che i kata si svilupparono in Okinawa, il Maestro Funakoshi li introdusse nel Giappone vero e proprio a partire dal 1922. Funakoshi in Giappone insegnò i seguenti kata del karate di Okinawa: i 5 Pinan (Heian), i 3 Naifanchi (Tekki), Passai (Bassai), Wanshu (Enpi), Chinto (Gankaku), Seshan (Hangetsu), Jitte, Jion e Kushanku (Kanku). Queste forme vennero ulteriormente modernizzate in Giappone e divennero la base del karate SHOTOKAN. Funakoshi cambiò anche i vecchi nomi okinawensi con un'immagine rappresentativa, con ideogrammi che corrispondessero al sistema di pronuncia giapponese. In seguito vennero aggiunti al sistema Shotokan i seguenti kata: Rohai (Meikyo) - Jiin - Wankan - Chinte - Unsu - Sochin - Nijushiho - Kanku-sho, Bassai-sho Gojushiho-sho - Gojushiho-dai

 

Significato dei Kata

HEIAN
Significato del nome: "Pace o tranquillità"
Questa serie di kata comprende quasi tutte le posizioni di base del karate Shotokan.
Gli Heian sono cinque:
Shodan    1° livello
Nidan       2° livello
Sandan    3° livello
Yodan      4° livello
Godan      5° livello


TEKKI
Significato del nome: “Cavaliere d’Acciaio”
Shodan  1° livello
Nidan     2° livello
Sandan  3° livello

BASSAI - DAI ( grande ) BASSAI – SHO ( piccolo )
Significato del nome: "Attraversare La Fortezza" ( bassai )

KANKU-DAI ( grande ) KANKU SHO ( piccolo )
Significato del nome: KAN: Guardare - KU: Cielo - DAI: Grande

Significato letterale: “Guardare Il Cielo.”

 

ENPI
Significato del nome: EN: Rondine - PI: Volo
Significato letterale: “Volo Di Rondine”

JION
Significato del nome: dal tempio buddhista di "Jion".
Traduzione letterale: “Amore Di Budda e Riconoscenza”

JITTE
Significato del nome:
Dal termine giapponese "Jute" ( Dieci Mani )

JIIN
Significato del nome: Tempio Dell'Amore Di Buddha

GANKAKU
Significato del nome: GAN: roccia – KAKU: gru.
Significato letterale: “Gru Sulla Roccia.”

HANGETSU
Significato del nome:
Significato letterale: “Mezza Luna.”

SOCHIN
Significato del nome: “La Grande Calma” – “Mantenere La Pace”

UNSU
Significato del nome: “Mani Come Le Nuvole” oppure “Mani Nella Nuvola”

NIJUSHIHO
Significato del nome: NIJU SHI: 24 - HO: passi.
Significato letterale: “Ventiquattro Passi.”

GOJUSHIHO-DAI ( grande ) GOJUSHIHO-SHO (piccolo)
Significato del nome: GOJUSHI: 54 - HO: passi
Significato letterale: “Cinquantaquattro Passi”

WANKAN
Significato del nome: “La Corona Del Re.”

MEIKYO
Significato del nome: "Specchio Luminoso" oppure "Guardare Lo Specchio"

CHINTE
Significato del nome: “ Mani Invincibili.”

 

Le Competizioni
Nelle competizioni gli arbitri valutano con un punteggio che il kata risponda ai requisiti stabiliti dal regolamento di gara. ( sotto i criteri di valutazione). Il kata può essere eseguito singolarmente o in squadre di tre componenti, i quali devono effettuare le tecniche previste in perfetto sincronismo tra loro. Nella competizione a squadre è prevista la prova del "bunkai". Quest'ultimo consiste nella reale applicazione dell'esercizio precedente, che viene eseguito da un membro della squadra che subisce gli attacchi degli altri due.
Nel caso di giovani praticanti (esordienti, 13-14 anni) è prevista l'esecuzione di un kata di libera composizione all'interno del quale devono essere obbligatoriamente presenti tecniche di braccio e gamba portate sui vari piani corporei e delle fasi acrobatiche di modesto impegno, il tutto eseguito simmetricamente.

 

 

 

Torna su..
Progetto web di PrismaDigitale